mercoledì 24 settembre 2014

Spaced

Tra i mille post che mi ero ripromessa di scrivere e poi mai scritti (non ancora almeno) c'era anche quello dedicato a Spaced.
Dal momento che oggi ricorre il quindicesimo anniversario della messa in onda del primo episodio, mi è sembrata la giusta occasione per rimediare.

Cos'è Spaced? Spaced è una serie tv. Una serie tv che se non avete ancora visto dovete assolutamente recuperare, perché è una delle serie tv più divertenti che sia mai andata in onda.
Scritta e interpretata da Simon Pegg e Jessica Stevenson, diretta da Edgar Wright, narra le vicende di Tim e Daisy, due quasi trentenni costretti a fingersi fidanzati per poter prendere in affitto un'appartamento. Il tutto condito con sano british humor, vicende molto surreali, omaggi e riferimenti a non finire a film (in particolare a Star Wars, vera fissa del personaggio di Tim), fumetti e alla cultura pop in generale, ma soprattutto tutte le quattordici puntate sono sorrette da un'ottima sceneggiatura e dalla bravura di Wright alla regia.
Memorabili inoltre i personaggi secondari, ad esempio Brian, l'artista del piano di sotto, o Mike (interpretato da Nick Frost), l'amico di Tim in fissa con le armi e tutto ciò che concerne la guerra. O Marsha o addirittura Colin o anche è meglio se la smetto altrimenti li nomino tutti. 
La serie purtroppo non è mai stata trasmessa in Italia, fatta eccezione per la prima stagione passata su Canal Jimmy in lingua originale con sottotitoli. Non esiste doppiaggio quindi, ma poco male, molta della comicità è data anche dal modo in cui vengono pronunciate le battute. Da Amazon è possibile acquistarne i dvd, comprendenti di sottotitoli in lingua originale. Gli episodi sono comunque tutti disponibili su youtube, sembra perfino sottotitolati in diverse lingue. 
Vi lascio con il primo episodio della serie!

sabato 13 settembre 2014

Roald Dahl Day

Buon Roald Dahl Day!

Se una persona ha brutti pensieri, dopo un po’ glieli leggi in faccia. E quando i brutti pensieri li ha ogni giorno, ogni settimana, ogni anno, il suo viso diventa sempre più brutto, finché diviene talmente brutto che non sopporti quasi più di guardarlo. Una persona con pensieri gentili non potrà mai essere brutta. Potrà avere il naso bitorzoluto e la bocca storta e i denti in fuori, ma, se ha pensieri gentili, questi le illumineranno il viso come raggi di sole, e apparirà sempre bella.


lunedì 25 agosto 2014

R.I.P. Richard Attenborough

Cambridge, 29 agosto 1923 - Londra, 24 agosto 2014

Chaplin (1992) regia di Richard Attenborough

Jurassic Park, regia di Steven Spielberg

mercoledì 13 agosto 2014

R.I.P. Lauren Bacall

New York, 16 settembre 1924 – New York, 12 agosto 2014

Il Grande Sonno (Howard Hawks, 1946)

martedì 12 agosto 2014

R.I.P. Robin Williams

Chicago, 21 luglio 1951 – Tiburon, 11 agosto 2014

"Popeye" (Robert Altman, 1980)


martedì 29 luglio 2014

La sveglia del tempo

L'altra sera, sistemando e riordinando un po' di roba accatastata nei meandri di casa mia, è saltata fuori la vecchia radiosveglia che usavo intorno ai 14/15 anni.
Dopo averla spolverata l'ho rimessa in funzione ed ho acceso la radio. E cosa trasmettevano? La canzone del Titanic. Insomma, è praticamente rimasta sintonizzata sull'epoca, uguale a come se l'avessi accesa quindici anni fa.
Poi mi è sorto un dubbio: e se fosse una sorta di macchina del tempo e mi avesse riportato nel 1998?
E qui ho cominciato a sudare freddo. Nel senso, una macchina del tempo sarebbe una figata assurda, ma tra tutte le epoche in cui poteva portarmi, proprio la fine degli anni '90 doveva scegliere? 
A parte che non li ricordo come chissà che di speciale, io in quegli anni ci ho vissuto, che interesse potrei quindi avere a visitarli? Ma portami che so, negli anni '60 o nei '70 così mi trasferisco in Inghilterra e vado a vedermi qualche concerto interessante, oppure nei primi del '900 che mi affascinano tantissimo, o meglio ancora portami fra 100 e passa anni, che son curiosa di sapere che ne sarà del genere umano, ma dubito di riuscire a vederlo coi miei occhi.
Poi per fortuna dopo il Titanic non hanno trasmesso le Spice Girls e così son stata certa di non aver fatto viaggi nel tempo. Fortuna anche perché le mie orecchie non le gradivano all'epoca, figuratevi ora.
Ad ogni modo 'sta radiosveglia funziona da schifo, mi sa che la rimetto tra la roba accatastata.

E non è neppure bella!


venerdì 4 luglio 2014

Assassinio Sul Nilo

Guardando Assassinio Sul Nilo:

Sorella: ma in 'sto film muore un sacco di gente!
Io: per forza, con la presenza combinata di Poirot e la signora in giallo non poteva essere altrimenti.

A parte gli scherzi, Angela Lansbury in questo film è davvero ottima.

E che bel vestito! Non a caso il film ha vinto l'oscar per i migliori costumi
Il film è carino, si guarda bene, forse un po' lunghetta la presentazione dei personaggi e l'annessa introduzione all'omicidio (ben metà film), ma quel che fa davvero meritare la visione sono l'interpretazioni di Maggie Smith, Bette Davis e la già nominata Angela Lansbury.

Ma anche il resto del cast non scherza, eh
Assassinio sul Nilo (Death On The Nile) - GB 1978
Regia: John Guillermin
Cast: Peter Ustinov, Mia Farrow, Simon MacCorkindale, David Niven, Jane Birkin, Lois Chiles, Bette Davis, Angela Lansbury, Maggie Smith
Sceneggiatura: Anthony Shaffer
Durata: 140 minuti

Più riguardo a Poirot sul Nilo
Molto bello anche il libro "Poirot Sul Nilo" da cui è tratta la pellicola, uno dei migliori della Christie a mio parere. È anche il primo dei suoi libri in cui sono riuscita ad individuare il colpevole prima di Poirot, anche se devo ammettere di non esser riuscita a spiegare del tutto come si fossero svolte le cose. 


domenica 15 giugno 2014

The Watchers on the Wall

Ed eccoci alla puntata numero nove. Episodio abbastanza avvincente, ma è anche quello che mi ha entusiasmato meno dell'intera quarta stagione. Il motivo è semplice: non sopporto Jon e le vicende alla barriera mi han sempre suscitato poco interesse. Ma se si ama questo personaggio e la sua storyline allora immagino sia stato un buon episodio.
  • Classici discorsi tra uomini in cima alla barriera
  • Sam ha un futuro da avvocato. In effetti il giuramento dei guardiani della notte è ambiguo sulla questione
  • Da come Jon spiega le cose ci credo che poi dia l'impressione di non sapere nulla!
  • Non riesco a guardare maestro Aemon senza pensare allo zio Alfie di Death at a Funeral, è più forte di me
  • Lo aveano mai detto che maestro Aemon era un Targaryen? 
  • Cioè, Gilly è l'unica sopravvissuta? L'unica unica di tutta città della Talpa? I bruti han dato proprio una bella ripulita, non c'è che dire
  • Oh, a me Alliser Thorne nella sua antipatia piace, sarà per come tratta male Jon che mi sta simpatico 
  • Sam e Gilly son sempre tanto carucci
  • Premio per miglior discorso d'incitazione a ser Alliser
  • Ma Slynt è coglione? "I giganti non esistono" e allora quelli di sotto cosa sono, allucinazioni?
  • Noooo Pyp! Ma perchè!? D:
  • Come ser Alliser è morto? Non era sato solo ferito?
  • Vai Edd, siamo tutti con te!
  • Prima Pyp e ora pure Grenn? Ma insomma, nella saga muoiono già abbastanza personaggi, non c'è bisogno di uccidere pure quelli che Martin ha deciso di risparmiare! L'importante è che non mi tocchino Edd! 
  • Devo fare una confessione: avevo del tutto dimenticato l'esistenza di Ghost :S
  • Ahia, che male! Ma dopo questo incontro ravvicinato con l'incudine come fa Jon ad essere ancora sano e soprattutto ad avere ancora tutti i denti?
  • Cazzo Olly, tra tutti quelli che potevi colpire proprio Ygritte? Comunque,  lo avevo detto o no che sarebbe stato lui a farla fuori?
  • La morte di Ygritte mi è piaciuta di più nel libro, non che qui sia resa male comunque
  • Come ci è arrivata un' ancora sulla barriera?
  • Tormund prigioniero? Jon che va da Mance? Mi pare siano tutte cose che non accadevano, ma non son sicura, è impressionante quanto poco ricordi delle vicende alla barriera :S
Il prossimo episodio sarà l'ultimo per quest'anno, dopo ci aspetta solo una lunga attesa fino alla quinta stagione, ma per i lettori questo genere di attesa è roba da poco, aspettare la pubblicazione dei libri è la cosa davvero snervante!
Nella prossima puntata ci aspettano un paio di scene alquanto interessanti e sembra che finalmente faccia la sua entrata in scena Lady Stoneheart! Non possono negarcela, io tra l'altro mi aspettavo di vederla già nel finale di stagione dello scorso anno. Ah, mi piacerebbe anche ci facessero vedere che diamine è successo a Gendry!

sabato 14 giugno 2014

The Mountain and The Viper

L'episodio che tutti aspettavano con ansia ed eccitazione: i figli dell'estate per sapere chi sarebbe stato il vincitore dello scontro, i lettori invece proprio perché già sapevano come sarebbe andata a finire lo apsettavano con trepidazione.
Puntata bellina, un paio di parti un po' lente, ma con un duello davvero memorabile.
Il match del secolo
  • Sembra che The Rain of Castamere e The Bear and the Maiden Fair siano le uniche due canzoni conosciute in questo universo, chissà se ce ne proporranno mai altre, come The Dornishman's Wife e Florian and Jonquil 
  • 'Sta ruttona antipatica farebbe meglio a star lontana da Gilly e lasciarla in pace
  • Grazie Ygritte per averci levato dai coglioni Ruttona Antipatica, in soli cinque minuti è riuscita ad aggiudicarsi un posto di tutto rispetto tra i personaggi più irritanti della televisione
  • Ho trovato abbastanza noiosa questa lunga parte sulla pseudo romance tra GreyWorm e Missandei. Ma sempre meno noiosa che vedere Daenerys regnare, bisogna ammettere
  • Ma Balon Greyjoy che fine ha fatto? È ancora vivo? Perché non ce lo mostrano? Membro del gruppo "personaggi che non si sa che fine abbiano fatto" insieme a Osha, Rickon, il cugino Lancel, il Pesce Nero, Edmure e soprattutto Gendry (per me quello si è perso)
  • "Se ci arrendiamo ci lascerà vivi?" certooo, credici! E infatti… Molto bella questa parte al Moat Cailin, Reek come sempre interpretato benissimo
  • Avevo rimosso che Petyr avesse origini braavosiane
  • Cioè mi state dicendo che Petyr non si è consultato con Sansa per accordarsi sulla versione dei fatti prima di incontrarsi coi lord della valle!? Ma nemmeno il più pirla dei pirla sarebbe così pirla!
  • What the fuck are they doing with Sansa???? O_O Questo è un cambiamento bello grosso rispetto ai libri e mi lascia sconvolta non per il cambiamento in se, ma perché non sapendo cosa  succederà alla sua controparte cartacea non ho proprio idea di come si evolverà la faccenda, anzi, getta benzina sul fuoco delle congetture e delle ipotesi (che già venivano fatte abbondantemente anche senza nuovo materiale)
  • Per un attimo ho pensato che Jorah si mangiasse la pergamena per eliminare qualsiasi prova del suo doppiogiochismo
  • Non mi è piaciuta granché la scena della cacciata di Jorah, Daenerys mi è sembrata troppo fredda e distaccata, uno si aseptterebbe di vederla un minimo furiosa e allo stesso tempo addolorata, del resto fino a due secondi prima lui era una delle persone di cui si fidava di più. Di certo la mancanza nella serie del bacio tra Jorah e Dany ha tolto un po' di pathos a tutta la vicenda
  • Ramsay, ma sei scemo? Cosa rispondi "nulla", era ovvio che la risposta fosse "il Nord" -_- Fossi al posto di Roose dopo questa uscita rivedrei i miei progetti di legittimarlo

  • Si intuiva che Sansa sarebbe diventata una giocatrice attiva, ma trovo che il cambiamento sia stato un po' troppo repentino, fino a pochi episodi fa (per quanto avesse fatto passi avanti) era ancora ingenua e manipolabile, ora all'improvviso tiene in pugno uno come Petyr. Un po' immagino sia dovuto al fatto che, contrariamente ai libri, non possiamo vedere i suoi pensieri e quindi per forza di cose devono essere più espliciti nel mostrare certe evoluzioni, ma soprattutto credo che il problema sia che non hanno fatto evolvere Sansa di una virgola durante la terza stagione e ora si son ritrovati a dover accelerare le cose
  • Posso dire che non mi è piaciuto come hanno trattato il personaggio di Petyr in questo epsiodio? Ok che nella serie è più impulsivo e incauto nei suoi piani, ma non è comunque da lui ritrovarsi così in balia degli eventi e dover dipendere totalmente da altri per la sua salvezza. Non avrebbe mai gettato Lysa dalla Moon's Door se non avesse avuto un piano per levarsi dai pasticci, non dico programmare la cosa, ma anche nelle azioni impulsive è uno che non lascia nulla al caso, non agisce se prima non intravede una scappatoia. E dire che bastava, in questa scena nella camera di Sansa, lasciare intendere che tutta la recita di lei davanti ai lord fosse stata una cosa precedentemente accordata tra i due, il che avrebbe reso anche l'exploit di Sansa come giocatrice meno improvviso e forzato
  • Va bene che la signora della Valle è morta, ma se si presentasse uno che sostiene di avere con se un membro degli Stark imparentato con la defunta chiamerei subito un superiore e di certo non li lascerei andar via! Ma qua mi sa che le guardie non siano proprio delle volpi
  • La risata di Arya è la cosa più bella di questa puntata XD Ci voleva anche un Nelson con il suo "ah-ah" puntando un dito al Mastino che mi pare (giustamente) abbattuto da questa continua piega degli eventi
  • Petyr mattacchione che nei dialoghi strizza l'occhio ai lettori rivelando cose che succederanno da qui a breve ;)
  • E alè, ma cosa sta indossando Sansa, la divisa da malvagio? Sembra un cattivo della disney da come è conciata, più stereopatizzata di così si muore. E vorrei fare un appunto all'orrenda collana che porta al collo :S Quindi devo dedurre che Sansa abbraccerà il lato oscuro nella saga? O è solo che nella serie la conversione è amplificata e invece nei libri sarà meno netta? E questo viaggio che devono fare, è un semplice filler per allungare la sua storyline o tratta invece del viaggio che nel libro faceva Petyr da solo e che non ci è stato mostrato? O peggio, sarà mica roba che deve accadere nel sesto libro?
  • Non mi è dispiaciuto il racconto delle avventure di Orson Lannister e gli scarafaggi, ma l'ho trovato un po' troppo lungo, soprattutto piazzato così prima dell'evento più atteso dell'episodio
    Ma dai, Orson (Welles) alle prese coi Beatles, sono rotolata dal ridere XD
  • "Oggi non è il giorno della mia morte" vabbè, credici…
  • Ellaria, noi tutti ti vogliamo tanto bene, ma le spalline di quell'abito sono una cosa inguardabile!
  • Sapendo come andrà a finire, questo bacio tra Ellaria e Oberyn è da spezzarti il cuore. Un po' come quello tra Catelyn e Ned nella prima stagione
  • Oberyn che volteggia come un forsennato prima di iniziare il combatimento mi fa pensare ad una celebre scena di Indiana Jones e i Predatori dell'Arca Perduta... c'è anche bisogno che vi dica quale? :P
  • A Mace Tyrell sta per venire un coccolone dalla tensione. Ma soprattutto dove sono Margaery e Tommen?
  • Ok, Oberyn dai, hai praticamente vinto, basta così adesso, non impuntarti su cose trascurabili come farlo confessare a tutti i costi… hai avuto la tua vendetta, piantala di parlare, accontentati per la miseria!
  • Voto la morte di Oberyn come scena più splatter vista fino ad ora nella serie
  • L'urlo di Ellaria racchiude in se tutto il nostro dolore
  • Leggendo il libro ero tutto un "pirla, pirla, ma che cazzo hai fatto, stavi vincendo, porca miseria, ma che morte da pirla!" seguito dalla devastazione totale. A vederlo nella serie stessa cosa, mi sono pure scese due lacrime. Tolto l'episodio di Futurama "Cuore di Cane" nessuna serie tv mi aveva mai fatto piangere prima. Ho avuto magoni alla morte di Ned e alle nozze rosse, certo, ma non mi hanno sconvolto fino a questo punto. E se la serie tv riesce a suscitarmi emozioni del genere nonostante sapessi già cosa sarebbe accaduto tanto di cappello
  • Adesso son cazzi per Tyrion

Episodio davvero sconvolgente, sia (soprattutto) per il finale da pugno nello stomaco (o, sarebbe meglio dire, letteralmente "mind blowing"), ma personalmente anche per la storyline di Sansa che ci mostra roba che non mi sarei mai aspettata. Sansa mi sta molto a cuore, come ormai avrete capito, è uno dei miei personaggi preferiti. E posso vantarmi di avere personaggi preferiti che ancora Martin non ha ucciso. Non sto facendo spoiler, la storyline di Sansa della serie è in pari con quella del libro, sul suo futuro noi lettori ne sappiamo praticamente tanto quanto i figli dell'estate. A parte un paio di dettagli che potrebbero venir ignorati dalla serie.
La cosa bella di questi episodi traumatici e poter vedere le reazioni dei figli dell'estate. E questa volta vedo che ha provocato davvero tanti traumi, ho visto gente letteralmente sconvolta. Beh, del resto Oberyn era un personaggio davvero carismatico, forse più nella serie che nei libri, devo ammettere.
Il prossimo episodio sarà tutto incentrato su Jon e la barriera, il che mi causa sbadigli di noia al solo pensiero, ma fortuntamente è questa e non altre puntate più interessanti a cadere in una settimana ricca di impegni, infatti non son ancora riuscita a vederlo. Se fosse capitato all'episodio del duello di andare in onda in una settimana impossibilitata alla visione sarei morta di ansia!

domenica 8 giugno 2014

Rock In Idro


Il primo segno della vecchiaia che avanza è che dopo quasi una settimana ancora non mi sono del tutto ripresa dal Rock In Idro. A mia discolpa posso però dire che in questi giorni non son mai riuscita a farmi più di sei ore di sonno la notte e al concerto son stata premuta contro una transenna per undici ore, molte delle quali sotto un sole cocente. Dovevate vedere com'ero bella rosolata il giorno dopo! Ma non rimpiango assolutamente nulla, ne è valsa decisamente la pena!
Son andata là subito all'apertura dei cancelli e son riuscita ad aggiudicarmi la transenna, anche se bisogna ammettere che non è stata un'impresa poi così difficile, c'era ancora poca gente e, a parte la zona immediatamente sotto il palco, era tutto abbastanza vuoto. 

Il mio interesse principale erano i Fratellis e devo dire che sarebbe valsa la pena andare (e spendere i soldi del biglietto) anche solo per loro! Certo, han suonato poco, appena tre quarti d'ora, ma non è che ad un festival si possa pretendere molto di più. Han suonato più che altro canzoni dell'ultimo album, come era prevedibile, più qualche classico del loro repertorio. 

Scaletta:

This Old Ghost Town
We Need Medicine
Henrietta
Whistle For The Choir
Seven Nights, Seven Days
Everybody Knows You Cried Last Night
Jeannie Nitro
A Heady Tale
Chelsea Dagger
Until She Saves My Soul

Mi ha molto stupito che non abbiamo suonato She's Not Gone Yet But She's Leaving,  il secondo singolo tratto dal nuovo album, e mi è pure dispiaciuto molto devo ammettere, ma mi son consolata assai con Jeannie Nitro *_* Chelsea Dagger  in particolare è stata molto trascinante e ha fatto scatenare l'intero pubblico, l'han cantata in coro praticamente tutti, anche chi due minuti prima non aveva idea di chi fossero i Fratellis. Sono poi stata immensamente felice che abbiano suonato Whistle For The Choir, forse la mia preferita in assoluto tra le loro canzoni.
Molti i brani che mi dispiace non aver sentito... insomma, diciamo che mi dispiace non abbiano fatto un concerto tutto loro, ecco. Sarà per la prossima volta, come si usa dire, magari se la smettessero di farli sempre e solo a Milano sarebbe un po' più semplice e comodo. E questo discorso vale anche per altre band (nooo, non mi sto riferendo agli Aerosmith che suonano per l'ennesima volta a Milano il 22 giugno prossimo, no no, cosa ve lo fa pensare!)
Ad ogni modo anche solo vedere un'esibizione da festival è stata una gran soddisfazione, mi son piaciuti davvero molto. Fortunatamente i tecnici non hanno, come successo con altri gruppi quel giorno, piazzato l'amplificatore tra me e Mince Fratelli, che io non posso mica passare un'intero concerto senza vedere cosa fa il batterista! Inoltre Mince è un batterista che mi piace parecchio, del resto parte del mio interesse per il gruppo è nato proprio perché sedotta dalla parte ritmica ^^ Poi nel loro caso, oltre ad apprezzare molto le canzoni, mi piace particolarmente la voce e il modo di cantare di Jon, che tra l'altro ho notato ha avuto il buongusto di farsi un minimo ricrescere i capelli. Per non tralasciare nessuno, voglio bene anche a Barry, dai, se la parte ritmica è quella che è il merito è anche del bassista del resto :)

Mi è piaciuto molto anche il secondo gruppo a cui ero interessata, i Queens Of the Stone Age, han fatto un concerto davvero coinvolgente. Precisiamo, i Queens Of The Stone Age mi piacciono, ma non posso dire di essere loro fan, sono ancora al livello de riconosco le canzoni, ma non saprei dire il titolo men che meno in che album stanno, ma questo non mi ha impedito di godermi la loro esibizione.  Unica pecca la brevità, han suonato appena un'ora e dieci che, da parte degli headliner della giornata, mi è parso un po' pochino. In quanto gruppo più di richiamo della giornata al loro turno si era formata una vera e propria ressa, al che son stata felice di essere un po' laterale e non proprio nel punto di maggiore calca. E poi, ma quanto caspiterina spingono i fan dei Queens of The Stone Age??? Non ricordavo tali spintonate dal concerto dei Queen, il che è tutto dire! Io comunque me ne stavo aggrappata al mio pezzo di transenna come se mi ci avessero incollato e bravo chi fosse riuscito a schiodarmi da lì! 

Non male anche i restanti gruppi di cui, a parte i Pixies, non avevo proprio idea di cosa suonassero. Così da primo ascolto mi son piaciuti particolarmente i We Are Scientists, degni di nota anche i Manic Street Preachers, non mi ha convinto invece Miles Kane che aveva un sound di "già sentito". Non mi han detto nulla di particolare, ma comunque non negativa come esperienza, l'ascolto dei Brian Jonestown Massacre, e dei Biffy Clyro. Quest'ultimi non li avevo nemmeno mai sentiti nominare, ma pare siano molto amati, dopo i Queens Of The Stone Age penso siano stati il gruppo più atteso, fin dall'inizio ero letteralmente circondata da loro fan. In particolare le ragazze sembravano parecchio coinvolte, in effetti bisogna ammettere che non erano male come fanciulli, ma musicalmente non mi son parsi poi così interessanti. È anche vero che li stavo ascoltando per la prima volta, potrei benissimo cambiare parere se approfondissi meglio la loro musica.
I Pixies devo dire di averli apprezzati più dal vivo di quanto abbia fatto ascoltando gli album, in realtà non mi piacciono particolarmente, ma live si sono rivelati una piacevole sorpresa, soprattutto il batterista che ho apprezzato molto.
Come al solito niente testimonianze visive, giusto uno scatto dei Fratellis proprio per sfizio. Oh, già  suonavano poco, ci mancava anche che mi distraessi per scattare foto!