giovedì 20 agosto 2015

Post Minestrone

L'estate procede bene, "ferie" vere e proprie non ne ho fatte, nessun viaggio insomma, ma almeno son riuscita a permettermi la mia manciata di fine settimana a mollo nel mare di Fano. E spero di riuscire a farmene anche un altro paio prima dell'arrivo dell'autunno. Avere una nonna con la casa al mare è davvero comodo. Due, ad essere precisi, ma la paterna sta a Rimini e, oltre a non avere il posto per ospitarmi, come località non è che mi piaccia granché: mare alto due sputi, spiaggia di sabbia e fauna locale principalmente composta da struzzi, fighetti e maragli. 
Son riuscita ad andare diverse volte al Summer Jamboree a Senigallia, il festival anni '50 che si tiene ogni anno, vi ho ascoltato molta bella musica e visto artisti interessanti. Peccato quest'anno non ci fossero mia sorella e il suo ragazzo a ballare (sono ballerini professionisti), impegnati in una vacanza di un mese in Norvegia. Inutile dire che l'ho invidiata tantissimo, soprattutto quando mi ha inviato le foto della statua che si scrolla i cinni di dosso dal parco di Vigeland! E dire che quel parco gliel'ho fatto conoscere io! Va be', colpa mia, avrei dovuto anch'io finire l'università e lasciare che i parenti mi riempissero di soldi come dono laurea. 
Io non sarò stata in Norvegia, ma nella banale quotidianità ho avuto modo di divertirmi anch'io. Son riuscita ad andare per ben due volte alla mia amata trattoria a Novilara (dopo quasi tre anni che non ci mettevo piede!) ad abbuffarmi di tagliatelle ai piselli e piadina sfogliata con le erbe; a Fano poi non mi sono di certo fatta mancare diverse tazzine di moretta. Il weekend di ferragosto son venute anche zii e cugini e tutta la famiglia si è sfidata in un leggendario combattimento a colpi di gavettoni. 

Tra granite con la panna e morette ci siamo trattati bene!
Speravo, nel tempo libero, di riuscire a recuperare qualche film o almeno qualche episodio di serie tv. Alla fine di film son riuscita a vedere solo Guardiani della Galassia. Non male, ero un po' scettica al riguardo, ma alla fine si è rivelato essere un film carino e divertente. Di puro intrattenimento, s'intende, ma accompagnato da una colonna sonora molto bella. Per il resto ho ri-visto un paio di film beccati per caso in tv. Anche con le serie tv non ho proseguito granché, colpa del mio solito problema che dopo le otto di sera sono capace di addormentarmi anche guardando la cosa più avvincente del mondo. Che poi è uno dei motivi per cui ultimamente privilegio più le serie tv dei film, un episodio dura decisamente meno di un film e ci sono più probabilità che riesca ad arrivare alla fine senza appisolarmi. E anche se dovessi appisolarmi, una serie tv mi scoccia di meno lasciarla a metà, interrompere un film invece mi da un fastidio che non avete idea.
Ho provato ad iniziare Partners In Crime, la serie della Bbc su Tommy e Tuppence, personaggi di Agatha Christie, ma son ferma al primo episodio perché mi ha lasciato un po' perplessa. Intanto non mi ha convinto molto questa cosa di spostare l'ambientazione dagli anni '10 agli anni '50, men meno mi ha convinto 'sta cosa di rendere Tommy e Tuppence apicoltori. Tommy poi mi sembra pure che l'abbiano reso un po' scemo. Inoltre è lentissima, tanto da rasentare la noia in alcuni punti. Però tecnicamente è fatta molto bene e gli attori sono bravi, quindi credo gli concederò almeno un altro episodio prima di decidere se abbandonarla o meno.
Una serie che invece mi ha conquistato fin dall'inizio è stata Parks And Recreation. Qui siamo su tutto altro genere rispetto alle produzioni Bbc, ma fa sbragare dal ridere. La prima stagione forse non diceva più di tanto, ma ha pochissimi episodi, tra l'altro lunghi solo venti minuti, perfetti per una narcolettica come me (ma sono riuscita ad addormentarmi lo stesso) e si guarda bene. Dalla seconda diventa irresistibile e alcuni personaggi sono talmente spassosi che ti verrebbe quasi voglia di conoscerli nella vita reale. Con questa serie, complice la brevità degli esplodi e la leggerezza della trama, sono già alla terza stagione inoltrata. 

Ron Swanson è il mio nuovo mito
Tra tutte queste attività ad uscirne trascurato è, come sempre, il blog (lo dimostra infatti il post accozzaglia che sto scrivendo), non son nemmeno ancora riuscita a postare il resoconto del concerto di Paolo Nutini del 19 luglio scorso, ma provvederò. O, almeno, ne ho l'intenzione. 
Domani esce il nuovo album dei Fratellis, quindi state pur certi che vi tormenterò un po' al riguardo. "Un po'" è riduttivo, ovviamente. L'ho già acquistato tramite sito ufficiale, nonostante la presenza delle spese di spedizione mi è costato meno che comprarlo in negozio. È il primo disco, dai tempi di The Cosmos Rocks, che acquisto senza avergli prima dedicato un ascolto, cosa che in genere faccio. Vedete di non deludermi! 
I Fratellis comunque stanno facendo del loro meglio per attizzare l'hype, non passa giorno che non condividano foto, interviste, notizie riguardo l'uscita del disco, e questa è una cosa bella, soprattutto per la sottoscritta: non mi capita spesso di poter pregustare l'uscita di nuova musica da parte dei miei artisti preferiti. Voglio dire, la maggior parte degli artisti che mi piacciono sono o morti o fanno parte di gruppi ormai sciolti, non è che possano sfornare molte novità. 
Per ingannare l'attesa mi son comprata a prezzo stracciato (perché usato, anche se in perfetto stato) l'edizione speciale del concerto Edgy in Brixton, che consiglio a tutti gli appassionati. Oltre ad essere un bel concerto contiene piacevoli inserti speciali, se riesco scrivo un post al riguardo. 

In quanto a dischi nuovi al momento mi sto dedicando all'ascolto dell'ultimo dei Darkness, Last Of Our Kind, nonostante sia uscito ormai da un paio mesi. Negli ultimi anni ho un po' trascurato i Darkness, tanto che non sono nemmeno andata a vederli quando hanno suonato qui a Bologna (prima mi lamento che la gente che mi piace non viene a Bologna, poi quando lo fa non vado ai concerti, coerenza proprio!). E dire che il loro secondo album mi era piaciuto parecchio, meno il primo, il terzo è uscito nel periodo di disinteresse e non credo di averlo ascoltato a dovere. Rimedierò. Tanto per  ficcare pure Roger Taylor nel post, c'è da dire che il suo figliolo Rufus è da poco entrato a far parte dei Darkness come batterista. 
Tornando al disco, devo dire che mi sta piacendo molto, in particolare ci sono un paio di canzoni che già adoro. Magari quando l'avrò ascoltato meglio gli dedicherò un post. 

Riguardo agli spettacoli danzanti quest'estate non abbiamo avuto granché occasione di esibirci. Ci abbiamo provato una sera in piazza a Casalecchio, ma è venuto quello che sembrava essere il diluvio universale, esattamente due secondi prima che salissimo sul palco. Un temporale assurdo, il vento ha portato via metà dell'attrezzatura, siam fuggite così di corsa che non ho nemmeno avuto tempo di cambiarmi, son tornata a casa con ancora indosso l'abito di scena. Ci siam rifatte in occasione della Festa del Gelato, anche se eravamo in poche. Mia mamma mi ha ripreso e sta mostrando il video a chiunque incontri, cosa che a me non aggrada molto, non sono molto soddisfatta della mia performance, avrei potuto ballare meglio. Però, per via delle modifiche necessarie a riempire i buchi delle assenti, alla fine mi è toccato fare il turkish drop! Ormai è un po' una tradizione, non c'è stata coreografia in cui non lo abbia fatto.

Nessun commento: