mercoledì 26 giugno 2013

Post per avvisarvi che scriverò dei post

Ovvero il post più inutile della storia.
Uno i post dovrebbe scriverli e basta, peccato però non abbia esattamente il tempo per mettermi lì con calma e farlo, ma non mi piace nemmeno lasciare il blog senza aggiornamenti per settimane come se non avessi nulla da raccontare e poi improvvisamente mettermi a ciarlare di cose accadutemi secoli prima che non capisci perché non ne abbia scritto subito o per lo meno poco dopo.
Quindi sappiate che se non scrivo nulla non è perché non abbia nulla da dire, ma perché non ho il tempo di farlo. Cose interessanti me ne sono accadute, ad esempio ieri sono stata al concerto di Paul McCartney (aspettatevi quindi il solito post osceno in cui deliro come una dodicenne), abbiamo fatto il primo spettacolo estivo alla notte bianca di via Andrea Costa (seguirà resoconto della serata con annessa figura da pirla in diretta tv), ci son state passate le prime foto del saggio (sì, vi farò vedere qualche cosa) e poi ho una serie di post ammucchiati nelle bozze da completare, che vanno dall'ultima puntata di Game of Thrones a persone/vicende strane di cui sono stata testimone, passando per film, libri e roba varia di cui volevo parlare e/o consigliare.
Pian piano provvederò a tutto questo o quasi. 'Sta sera no però perché sono stanca morta e potrei crollare addormentata sulla tastiera da un momento all'altro.
E sì, lo so, devo ancora postare il tradizionale post sull'ArteFiera che vi avevo promesso a gennaio. Come se non bastasse devo anche rispondere ad una scarrellata di mail.

2 commenti:

Lothiriel ha detto...

A proposito di vicende/persone strane, l'insegnante di comunicazione di cui ti avevo parlato mi ha dato come "compito metaforico" (non chiedermi che vuol dire, non ne ho idea) di andare al cimitero per tre volte e fotografare tre tombe.
Come no, corro subito a farlo...

Mary ha detto...

Ma andare al cimitero una volta sola e fotografare tre tombe tutte nella stessa visita non andava bene?