martedì 26 marzo 2013

Dove eravamo rimasti?

Eccomi, son tornata!
La mia assenza non è stata dettata da poca voglia di scrivere post (anche), ma mi è stata imposta da quel vecchio catorcio del mio computer che, non pago di essersi trasformato da portatile a fisso, ha pensato bene di mettersi anche a fulminare caricatori. Adesso è stato "riparato" alla bell'e meglio, per lo meno se gli attacco un caricatore non mi costringe a gettarlo due minuti dopo, così almeno posso accenderlo ed usarlo, in attesa di trovare l'occasione per comprarne uno nuovo.
Tanto per fare un riassunto di quel che mi è successo nell'ultimo periodo:

- in casa mia sono nati quattro nuovi gattini! Figli di Marta, uno dei cuccioli d'autunno nati due anni fa a cui non siamo riusciti a trovare casa. O meglio, l'avevamo trovata, ma poi all'ultimo quello che doveva essere il nuovo proprietario ha fatto marcia indietro e lei è rimasta da noi insieme alla sorella Johanna. 
I cucciolini nuovi sono quattro, due maschietti rossi e bianchi e due (pare) femmine pezzate, a quanto pare molto precoci, a sei giorni avevano gli occhi aperti e a dodici già cominciavano a giocare e lavarsi da soli! Adesso hanno tre settimane e protestano perché vogliono uscire dalla scatola.

- è arrivato il nuovo abito di danza, che è verde e bellissimo. Peccato sia anche stretto, la stessa misura di quello nero del primo anno. 
Ho scazzato del tutto con la scelta della taglia, le opzioni che avevamo erano due: o grande come il bianco dell'anno scorso o, per l'appunto, piccolo come il nero di due anni fa. Tenuto contro che il piccolo, a parte il fatto di essere stretto, riuscivo comunque ad indossarlo, mentre il grande ho dovuto restringerlo di circa due taglie con lavori di sartoria che non so fare, ho optato per il modello piccolo per non dover impazzire con i lavori di restauro. 
Beh, il modello grande è risultato essere più piccolo del previsto e mi sarebbe andato bene -_- 
Per lo meno il modello piccolo non è risultato anch'esso essere più piccolo del previsto! Però mi stringe, soprattutto il top, quindi mi sono messa in testa di fare un po' di dieta nella speranza di perdere una taglia di seno entro il tre giugno prossimo. Appena decisa 'sta cosa naturalmente ho passato una settimana a ingerire cibo come se fossimo sotto Natale.

- sempre in tema danza, abbiamo iniziato la coreografia, che è molto più complessa degli altri anni, ma anche più bella e coreografica. Siamo divise in tre gruppi distinti che si intersecano e ovviamente dobbiamo imparare i passi di tutti e tre, metti mai che ci tocchi traslare da un gruppo all'altro nel caso (assai certo) ci siano delle assenti durante gli spettacoli estivi. 
Per noi del gruppo verde la coreografia è anche dolorosa, abbiamo un veloce turkish drop che sta portando alla distruzione le nostre ginocchia, non oso pensare a quando lo faremo con indosso la cintura del vestito, piena di pendagli perlinati che si ficcheranno sotto le gambe e il sedere e ci rimarranno conficcate nella pelle fino alla fine dei giorni.
Però sono contenta di non far parte del gruppo blu, quelle hanno il velo e sto cominciando seriamente ad odiare quell'attrezzo.

- ho fatto l'antitetanica, ora potrò andarmene a combattere contro la malvagia stirpe dei chiodi arrugginiti senza timore! 

- io e gli altri bolognesi siamo sopravvissuti al trauma di dover ospitare un concerto di Justin Bieber nella nostra città. Dico, vanno sempre tutti a Milano e Roma, non poteva fare anche lui lo stesso? 
Spero abbiano disinfestato l'Unipol Arena, dopo.

Nessun commento: