lunedì 17 gennaio 2011

La febbra 2

Volevo fare diverse cose in questi ultimi quattro giorni, tipo andare a vedere questa interessante cosa qui, far visita ai parenti in occasione del compleanno della metà di loro, guardare la diretta dei Golden Globe, approfittare dei saldi per procurarmi un nuovo paio di quei cosi che si mettono ai piedi (comunemente dette anche scarpe), più varie ed eventuali.
Invece mi sono ammalata (sì, ancora) e 'sta volta sono stata pure parecchio male, avrò anche avuto solo qualche linea di febbre, ma mi sentivo come se l'avessi avuta a trentanove, con dolori muscolari ovunque, infiammazione alla gola, giramenti di testa (e non solo di quella), insomma una vera gioia. 
In genere non faccio molto uso di aspirina, ma questa volta mi è toccato di prenderla in un paio di occasioni. 
Peccato che come spesso mi accade mi abbia dato un po' alla testa, ho cominciato a fare discorsi degni di un ciucco e ad immaginarmi le cose. Ad esempio nella trama floreale del copripiumino vedevo teste di cavallo che brucavano e ho scambiato il libro che fino a due secondi prima stavo leggendo per una grossa scatola di cioccolatini (qui devo ammettere che ci son rimasta male).
Tolta l'aspirina poi non parliamo dei sogni notturni. A parte i soliti sogni che faccio quando son malata, zeppi di sensazioni opprimenti e fastidiose, son tornati di gran carriera gli infetti di 28 giorni dopo. Pare siano una fissazione del mio subconscio! 
Questa volta però, nel tentativo forse di renderli più interessanti, mi sono stati serviti sotto forma di film, di cui ero solo osservatore esterno e devo dire che non essere personalmente inseguita da quei cosi mi ha fatto piacere. In poche parole si trattava del seguito del seguito, ambientato in un albergo delle Bahamas con protagonista Christian Bale che andava in giro a dire a tutti: "Vi ricordate gli infetti? Sono tornati! Si salvo chi può!" e all'apprendere questa notizia tutti ridevano e continuavano a sorseggiare martini finché non venivano prontamente trucidati.
Come se tutto questo non fosse abbastanza ho pure sognato Laura che soffocava le persone con dei materassi. Però lo faceva con gioia e cercava pure di convincermi a partecipare, elencandomi tutti i lati positivi della cosa, che ora purtroppo non ricordo, a parte il "è rilassante".
Per il resto in questi giorni di malattia, oltre a delirare sia da sveglia che da dormiente, non ho fatto molto, principalmente me ne sono stata sotto le coperte, poi ho letto cose senza capirle, mi son vista per la duecentosessantamillesima volta Moon (tutte 'ste ri-visioni stanno stressando mio fratello al punto che si incazza solo a sentir nominarne il titolo), ho guardato i primi due episodi di Boardwalk Empire, ma devo ammettere che non mi han detto granché (dato però che il mio cervello era fuori uso e non capivo una fava forse non ero propriamente nelle condizioni per poterlo giudicare adeguatamente) e infine ho visto un film piuttosto bruttino intitolato La Regola Del Sospetto, e qui penso che la bruttezza del film non dipendesse solo dal mio alterato stato di salute e dalle continue interruzioni pubblicitarie di rete 4. Ciò nonostante, data la presenza di Al Pacino, è stata comunque un'esperienza degna di essere fatta. Diciamo che il fatto che ci fosse Al Pacino è stato anche il motivo per cui ho fatto una cosa folle e senza senso come guardare un film su mediaset.

1 commento:

Tizia ha detto...

Oh sì sì, è mooolto rilassante!! Quando sei stanco hai pure il materasso già a portata di mano.